Business e Freelance: quale marchio scegliere?

pubblicato in: Imprenditori e Startup | 0

Diciamoci la verità, essere un freelance al giorno d’oggi non è assolutamente facile. Bisogna combattere fino all’ultimo per raggiungere i propri obiettivi e spesso non si riesce a raggiungerli. Ogni giorno ci sono problemi d’affrontare e per essere visibili, spesso bisogna avere un marchio alle spalle.

Mi riferisco a tutte le persone che hanno un’impresa personale, nel mondo del business serve un marchio, ma sceglierlo a volte non è così semplice. Cosa è meglio scegliere? Inserire il proprio nome personale, oppure un vero marchio professionale?

Scegliere il proprio nome come brand, potrebbe avere dei pro, per esempio utilizzare il nominativo senza avere l’obbligo di registralo. Se siete sicuri della strada che state per prendere, allora scegliete l’ipotesi del nome personale.

Meglio il marchio professionale? Una pubblicità sicuramente più efficace, che vi permetterà di far capire immediatamente che tipo di servizi offrite. Ma scegliere l’ipotesi del marchio professionale, ha spesso dei costi piuttosto elevati, visto che dovranno essere creati biglietti da visita, pubblicità e molto altro.

Se siete all’inizio e volete vedere come procede il lavoro, vi consigliamo di iniziare con il vostro nome personale e solo quanto gli affari andranno bene, potrete creare un marchio professionale per la vostra azienda.