Inail e malattie professionali

pubblicato in: Fiscalità e Web | 0

Tutte le malattie contratte sul lavoro (siano esse malattie o infortuni) così come tutte le malattie contratte a causa del lavoro o gli incidenti avvenuti nel percorso definito di “casa-lavoro”, rientrano tra le malattie professionali e sono tutelate dalla legge assicurativa. Il riconoscimento di tali malattie viene fatto ad opera dell’Inail come definito dal Testo Unico del decreto del presidente della repubblica del 30 giugno del 1965 numero 1124.
L’Inail è l’ente che gestisce l’assicurazione obbligatoria di lavoratori e, da qualche anno anche di casalinghe, contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. I contributi sono a carico del datore di lavoro e devono figurare nel prospetto paga che il lavoratore riceve. Per le casalinghe il versamento del contributo viene fatto in maniera annuale mediante pagamento di apposito bollettino postale.
L’Inail serve a tutelare il datore di lavoro in caso di eventuali malattie o infortuni professionali (qualora la malattia o l’infortunio non siano imputabili al datore di lavoro o suo collaboratore). L’Inail infatti si occupa non solo della gestione delle pratiche relative alla malattia professionale ma anche del risarcimento del danno.
Le leggi che regolano questo tipo di contributo e di assicurazione sono diverse. Da ricordare la legge del 25 febbraio 2000 numero 38 che ha, in primis, riformato l’assetto dell’Inail e, successivamente ha imposto l’estensione dell’obbligo assicurativo anche ai lavoratori para-subordinati come le casalinghe (legge del 3 dicembre 1999 numero 493).

Con la modifica della legge nell’anno 2000 l’Inail ha provveduto anche a rivedere i parametri e le tabelle delle malattie e degli infortuni che possono essere definiti “collegati al lavoro”.
Compito dell’Inail è, oltre a quello di ente assicurativo, quello di informare e predisporre un piano d’informazione, verso i lavoratori e verso i datori di lavoro, circa i rischi connessi alle varie attività lavorative e alle possibilità di infortunio e malattie professionali esistenti. Compito dell’Inail è anche quello di redigere, annualmente, le statistiche circa gli infortuni sul lavoro e le morti bianche.