Il Coworking: che cos’è?

Forse avete sentito parlare qualche volta di coworking, un termine ovviamente inglese che in questi ultimi tempi, sta prendendo piede anche in Italia. Si tratta di una realtà che potrebbe interessare a tutti i liberi professionisti, disponibili a lavorare in ambiente condivisi.

Infatti, il termine coworking è letteralmente la condivisione di uno spazio, che sia esso un ufficio o una casa con altri professionisti, appartenenti a diversi settori. L’idea di questo progetto è nata da tutti quei liberi professionisti, che stufi di passare le giornate da soli, hanno deciso di creare questo progetto per condividere le proprie giornate con altre persone.

Ideale per i giovani e per freelancer e startup che fanno dei lavori creativi la propria idea di business.

Ogni postazione di lavoro ha una scrivania, cassettiera, stampante, area relax, fotocopiatrice, sala riunioni e uffici riservati per ogni libero professionista. Esistono delle aziende che offrono questo tipo di servizio, soprattutto indirizzato alle piccole/medie imprese caratterizzate da personale freelance. I prezzi richiesti per l’affitto, si aggirano intorno ai 400/300 euro in base ai servizi offerti.

il coworking consente un risparmio economico grazie alla condivisione delle spese e di non avere orari prestabiliti. Permette inoltre una condivisione delle sinergie e delle idee tra i diversi lavoratori, e, con questo confronto, possono nascere nuovi stimoli creativi.