Guadagnare con un sito web

pubblicato in: Lavoro online | 2

Il guadagno online attraverso un sito web è possibile, infatti, sono tantissimi i webmaster che gestiscono un sito famoso che ogni mese riescono a portare a casa, una somma discreta di soldi. Non sapete come funziona il guadagno online? Non disperate, siamo qui per questo.

I principali metodi che permettono di lavorare guadagnando con il proprio sito sono:

Il guadagno mediante pubblicità contestuali che appaiono sulle pagine del sito, Google Adsense ne è un esempio famoso. Basta inserire queste pubblicità all’interno delle vostre pagine e per ogni clic ricevuto otterrete una piccola somma, che moltiplicata potrebbe darvi grandi soddisfazioni.

In alternativa potrete attivare dei guadagni con le affiliazioni dirette, sempre pubblicità ma più specialistiche che vi pagheranno per clic, per vendita o per lettura. Molti webmaster scelgono la soluzione di vendere link o spazi pubblicitari all’inserzionista, una forma piuttosto remunerativa e innovativa del web.

Una volta creato un sito web con dei buoni contenuti e visite discrete è possibile guadagnare tramite ditte che ci paghino per esporre link o banner pubblicitari o per far registrare i nostri utenti ad altri siti o comprare oggetti o servizi. Conoscete dei vari metodi di guadagno? A voi i commenti!

  • per aprie un sito web e avere i quadagni citati,derivati dai click e dalla publiccità vi chiedo se è necessario stipulare dei contratti e con chi oltre ad aprire il web site..

    tanti saluti….

  • admin

    Beh, devo dire che questa è un ottima domanda e analizzata ripetutamente dall’alba delle affiliazioni web.. il punto fondamentale è che siamo in italia e legalmente affrontare il guadagno derivante dalla pubblicità rimane tuttora “non trattata” dalle leggi in vigore (intendo il caso di piccoli siti che non generano grandi somme per potersi permettere un p.iva e un commercialista) e quindi anche il tutelarsi con un contratto.

    Generalmente si utilizzano agenzie che svolgono un ruolo da intermediatori nella publicità e che risparmiano molte fatiche da parte di contratti: è il caso di adsense, heyos, tradedoubler e tanti altri; bisogna in questo caso aderire da ambo le parti a dei contratti della società che ne garantisce il reciproco rispetto, ma la publicità avviene in rapporto molti a molti, ovvero un sito fa publicità a più servizi e viceversa.

    Non è finita qui, materialmente per guadagnare bisognerebbe anche dichiarare il reddito derivato e poichè il guadagno è di publicità, quindi un tot alla volta, non può esser interpretato come prestazione occasionale ne in altri modi, dovrebbe essere regolamentato su di una partita iva quindi con commercialista ecc.

    Capirai che è un bel dilemma per tutti qua in italia su come fare, molto spesso si utilizzano forme ufficiose, ma quasi inutili come garanzia: a questo scopo ti voglio consigliare l’unico forum in italia completamente focalizzato sul guadagno online: Alverde (http://www.alverde.net).

    Penso che, nel caso di ufficializzare un determinata forma di publicità in rapporto 1 ad 1, ovvero tra un sito e un cliente si possa sviluppare un particolare contratto tra il cliente e te raffigurante come prestazione occasionale e forse anche vincolato su delle regole da un notaio, purchè sia rispettato l’importo massimo della prestazione occasionale e non sia ripetuta nel tempo, ovvero i vincoli della stessa.
    Ovviamente si fa affidamento ad un commercialista, che costa, quindi senza un guadagno “sostenuto” non è una soluzione sensata, ma in questi casi è solo lui che può dirti come fare ed è alui che farai affidamento nel dichiarare il reddito extra nel 730.

    Spero di aver minimamente risposto, ma più che dire che lo stato italiano non concede di avere piccoli guadagni online derivanti da pubblicità, di dichiararli e di tutelarsi.. non posso fare 🙂