Gli elementi della retribuzione

pubblicato in: Fiscalità e Web | 0

Gli elementi che appaiono nel prospetto della busta paga consegnato al lavoratore sono riferiti alla retribuzione diretta. Vediamo quali siano gli elementi che vanno a comporre la retribuzione lorda del lavoratore (relativamente al lavoro svolto e per il periodo svolto):

  • Paga base o minimo contrattuale: è la retribuzione minima prevista dal contratto collettivo nazionale di categoria per le diverse qualifiche. Per verificare eventuali discordanze o il minimo stabilito il lavoratore deve fare riferimento al contratto di lavoro (se specificato) o al contratto collettivo nazionale di categoria ricercando, per la propria mansione e qualifica, il minimo tabellare;
  • Superminimo: è una parte della retribuzione che viene contrattata direttamente con il lavoratore e ha come scopo quello di innalzare l’importo della paga base;
  • Indennità di contingenza
  • Scatti di anzianità: sono quella parte di retribuzione legati all’anzianità lavorativa del lavoratore e alla sua permanenza in azienda. Vengono calcolati in cifra fissa o percentuale sull’importo della paga base (in rari casi viene calcolata sull’importo della paga base unitamente all’indennità di contingenza). Per conoscere gli importi il lavoratore deve fare sempre riferimento al contratto collettivo nazionale dal lavoro;
  • Cottimo: è la parte di retribuzione legata al rendimento produttivo del singolo lavoratore (o del suo gruppo di lavoro). Questo tipo di elemento viene utilizzato per incentivare il lavoro e migliorare la produzione;
  • Compenso per il lavoro supplementare: è quella parte di retribuzione relativa al lavoro prestato oltre al normale orario di lavoro (previsto dal contratto) o derivante dal lavoro su turni;
  • Premio di produzione: spesso i contratti collettivi nazionali prevedono, a carattere collettivo, dei premi relativi ai livelli di produzione. Esso viene generalmente espresso in percentuale rispetto al minimo contrattuale;
  • Indennità di mensa: secondo la legge 359/92 l’importo spettante al lavoratore come sostituzione del servizio mensa, non è parte della retribuzione e dei suoi elementi. Questa voce compare infatti solo nei prospetti di lavoratori come addetti ai cantieri edili o altri addetti che lavorino in zone dove non siano presenti strutture di servizio o ristorazione.

 

C’è da dire tuttavia che tali elementi sono soggetti a frequenti cambi, in termini di spettanza ma anche e soprattutto in termini economici. Importanti modifiche potrebbero essere apportate con eventuali modifiche ai contratti e alle normative lavorative proposte dal Governo Tecnico Monti.