Ci sono più annunci di lavoro dall’estero

pubblicato in: Lavoro online | 0

Il nostro paese sta sicuramente attraversando un periodo di stallo, naturalmente la carenza di lavoro c’è sempre e si fa sentire, infatti i disoccupati aumentano drasticamente, così come anche il loro malumore.

Le categorie più soggette sono sicuramente rappresentate dai giovani, i quali terminati gli studi non riescono a lanciarsi nel mondo del lavoro e provare a costruire un futuro tanto atteso.

E’ pur vero che sono stati lanciati alcuni decreti che prevedono tutta una serie di norme atte a sviluppare il nostro paese, a migliorare, a dare una svolta soprattutto sotto il punto di vista economico, puntando su giovani e sulle loro iniziative, ma ci troviamo ancora nella fase iniziale, ci sarà bisogno di tempo e di tanta pazienza per uscirne.

C’è poi un fenomeno, ovvero quello dei cervelloni in fuga, che in Italia non trovano sbocchi, e quindi conclusi gli studi tentano l’esperienza all’estero, dove la richiesta non manca certamente, dove c’è molta serietà e le prospettive di vita oltre che di crescita sono sempre più rosee.

Si tratta di un dato reale, basti pensare che anche su giornali di settore si possono trovare molti più annunci di lavoro dall’estero anzichè dall’Italia stessa, un dato preoccupante, ma che deve far riflettere.

Si è registrato tempo fa un boom di emigranti verso la Germania, ma adesso sembra che tale fenomeno proceda anche in altri paesi, basti pensare che già in altre parti dell’Unione Europea si sta registrando una grande richiesta di assistenti di lingua italiana, oppure negli Stati Uniti, dove sono aperte le selezioni per la Walt Disney, senza dimenticare la fitta ricerca di infermieri professionali nel Regno Unito.

Insomma il lavoro come potrete ben capire non manca di certo, ma sono sempre pochi i ragazzi che decidono di puntare il tutto per tutto cambiando vita, abitudini e lasciando a casa i propri legami, che siano familiari o che siano affettivi di altra natura.

I dati relativi al fenomeno di disoccupazione in Italia sono ancora allarmanti, basti pensare che ben 2,9 milioni di persone sono senza lavoro, si vive nella precarietà e non è certamente un dato che incoraggia, ci butta giù e distrugge tante povere famiglie in cerca di una sistemazione.

I giovani sono a rischio giorno dopo giorno, specialmente quelli compresi tra i 15 e 24 anni, si tratta della fascia che ha bisogno di maggior aiuto, ma attualmente non si riescono ad intravedere novità vere e proprie.

L’augurio è che il nuovo anno porti grandi novità, sembra una frase fatta, una di quelle che si ripetono puntualmente in questo periodo, ma mai come ora ne abbiamo davvero bisogno!